h1

DECRETO SVUOTA CARCERI, L’IPOCRISIA DELLA LEGA NORD

febbraio 9, 2012

Sul decreto “svuota carceri” il governo ha posto la questione di fiducia. La Lega Nord ha inscenato la solita gazzarra per protestare contro questa decisione. Secondo i padani (in buona compagnia degll’Idv) il provvedimento sarebbe una “amnistia mascherata”. Prevede infatti il decreto che gli ultimi 18 mesi di pena, il detenuto li possa scontare agli arresti domiciliari invece che in carcere.

Soprassediamo sul fatto che stare agli arresti domiciliari o essere amnistiati sono due cose piuttosto differenti, quello che fa impressione è l’atteggiamento schifosamente ipocrita del partito di Bossi. Quando un analogo provvedimento era stato presentato dal governo Berlusconi nel 2010, ministro della giustizia all’epoca era Alfano, avevano votato senza fare tante storie. L’unica differenza del decreto attuale è che i mesi scontabili ai domiciliari salgono da 12 a 18. Non uno stravolgimento tale da giustificare i toni da stadio avuti dai leghisti.

Tommaso Canetta

Annunci

2 commenti

  1. Però occorrerebbe potenziare le strutture carcerarie. Sono stati chiusi i reclusori nelle piccole isole – ed è stato un bene – ma, al loro posto sono stati creati altri penitenziari in “continente”, tali da sopperire a quelli aboliti? Data la situazione mi sembra proprio di no. E poi, quale rieducazione potrà esserci costringendo i reclusi a convivere in celle affollatissime?


    • Infatti è assolutamente necessario costruire nuove carceri, oltre a potenziare il ricorso a misure alternative alla detenzione. E’ di oggi la notizia che il governo ha stanziato 57 milioni di euro per portare a compimento il piano-carceri cominciato – ma mai portato a termine – dal precedente governo. Segnalo con preoccupazione che è prevista la possibilità di affidare ai privati la costruzione e la gestione dei penitenziari. Questo sarebbe un sollievo per le casse dello Stato ma creerebbe un grave problema: l’esistenza di una lobby economica che trae tanto più profitto quanti più detenuti ci sono. Si potrebbero generare delle gravi distorsioni in un Paese che ha come stella polare del sistema penitenziario – purtroppo a un livello più che altro teorico – la rieducazione. Negli Stati Uniti sono stati documentati casi di corruzione, lobbying e cattiva gestione. Comunque tornerò su questo tema specifico in un altro articolo.
      Tommaso Canetta



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: